Titolo Originale: Teizokurei Monophobia
Edizione italiana: GP Publishing
Prezzo: 5,90€
Pagine a colori:
Sovraccoperta:
Anno di pubblicazione: 2012 – (in corso)

Benvenuti o bentornati su Onigiri Square!
Il manga di oggi è un seinen horror/soprannutarale/mistero e un sacco di altri generi, scritto da Saki Okuse e disegnato da Seigo Tokiya. Attualmente in Giappone sono stati pubblicati 6 volumi ed è ancora in corso, mentre in Italia il primo volume è stato pubblicato soltanto questo mese.
Ma ora passiamo alla solita recensione!

Trama: La storia parla di Maika Houzuki, una ragazza che condivide il corpo con quello che doveva essere suo fratello gemello: Maito. Il lunedì, il mercoledì, il venerdì e la domenica mattina è sveglia Maika, mentre il martedì, il giovedì, il sabato e la domenica pomeriggio è sveglio Maito. Durante la notte, entrambi dormono e chi è stato sveglio racconta all’altro cosa è successo durante la giornata. Maikia inoltre, ha la capacità di vedere gli spiriti e quando il medico della scuola, un negromante, se ne accorgerà, la coinvolgerà subito in dei casi di fantasmi che non riescono a raggiungere l’aldilà, Purtroppo però, Maika non vuole avere niente a che fare con gli spiriti, così ad intervenire sarà quasi sempre Maito, che però non ha la capacità di vederli. Ad unirsi al gruppo ci saranno anche una strana infermiera e un compagno di classe dei due fratelli: Toono.

Come possono mancare gli spiriti in un horror? Pur avendo questo aspetto classico, è comunque un manga strambo e della trama abbastanza originale, quindi non ritengo di doverlo penalizzare.
Voto alla trama: 7

Lettura: Durante questo manga è difficile perdere interesse, tutto accade molto velocemente e in questo primo volume si comincia in modo piuttosto confuso e con molti punti da svelare. La disposizione delle vignette è ottima, anche durante i momenti di suspence, purtroppo però i dialoghi non lo sono altrettanto. Dipenderà dalla traduzione della GP o dagli autori? Questo purtroppo non lo so dire, ma ho incontrato più volte dialoghi poco chiari o che diano la sensazione di non servire proprio a nulla o ancora intuizioni geniali dei personaggi che però non vengono spiegate. Altro punto negativo sono le gag comiche: sono presenti qua e là per tutto il manga, ma nessuna mi ha fatto veramente ridere, spesso è stato appunto colpa dei dialoghi, nei quali non si riesce ad afferrare l’ironia voluta dall’autore.
Voto alla lettura: 6/7

Personaggi: I personaggi di questo manga non sembrano essere molto particolari e questo è probabilmente dovuto al fatto che non vengono presentati e approfonditi come si deve. Non voglio ancora criticare del tutto però: siamo pur sempre al primo volume e, come ho detto prima, la storia inizia con molti punti da svelare.
La protagonista è un personaggio molto facile da comprendere, una ragazza silenziosa e piuttosto apatica, non vuole avere a che fare con gli spiriti, ha paura di essere sola e… è inutile. O almeno, fin’ora lo è stata, per questo ho apprezzato di più suo fratello Maito, poiché è un tipo sveglio che si butta in qualsiasi situazione, ma mostra anche i suoi lati deboli senza vergognarsene troppo. Sono comunque due personaggi misteriosi da scoprire quasi del tutto e ciò vale anche per il medico, Kanbana, del quale sappiamo solo che vede gli spiriti e che è un gran codardo. Toono invece, compagno di classe di Maika/Maito, è un personaggio che mi ha infastidita parecchio e non per il carattere, perché potrebbe diventare tranquillamente il mio personaggio preferito, ma per il modo in cui viene presentato: viene coinvolto nelle missioni per “salvare” gli spiriti perché si ritrova delle scritte fatte coi graffi sul corpo, ma nonostante questo non è né spaventato né nient’altro! Si unisce al gruppo praticamente senza fare domande e, nonostante non abbia la capacità di vedere gli spiriti, sembra credere al tutto senza alcun tipo di problema, compreso il fatto che Maika abbia un’altra persona dentro di sé con la quale si alterna. Spero in una qualche spiegazione futura.
Voto ai personaggi: 6.5

Disegni: i disegni mi sono piaciuti abbastanza. Rendono molto bene le atmosfere horror pur rimanendo puliti e per niente confusi. Anche il character design è molto bello, in particolare adoro il modo in cui viene disegnata Maika, ma non ho apprezzato Maito e gli occhi del dottor Kanabana. Vi starete chiedendo perché apprezzo Maika e non Maito visto che condividendo lo stesso corpo dovrebbero essere uguali. Ebbene, sono uguali. La differenza sta nelle espressioni: le espressioni dolci di Maika sono disegnate benissimo, mentre quelle “strafottenti” e simili di Maito sono disegnate spesso male ed esagerate.
Voto ai disegni: 7

Media: 6.5

Commento personale di Kazeyumi: Sono convinta che questo manga prometta bene e che se solo gli autori si impegnassero un po’ di più e cercassero di essere più chiari, migliorerebbe notevolmente.
Lo consiglio a chiunque, poiché pur essendo horror non contiene scene di particolare violenza o splatter e di sangue non se ne vede quasi, chi invece cerca qualcosa di sofisticato è meglio se ne sta alla larga.
L’edizione GP è molto carina, le pagine a colori sono tante e belissime, anche la carta delle pagine in bianco e nero e ottima. Se proprio c’è qualcosa da criticare è forse la copertina, che sembra avere tante piccolissime bolle d’aria… o qualcosa del genere.
Alla prossima recensione!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...