Titolo originale: To Aru Majutsu no Index
Edizione italiana: Star Comics
Prezzo: 4,30€
Pagine a colori: Sì (non patinate)
Sovraccoperta: No
Anno di pubblicazione: 2012 – (in corso)

Benvenuti o bentornati su Onigiri Square!
A certain Magical Index (Un certo indice di magia) è manga tratto dalla light novel di 22 volumi scritta da Kazuma Kamachi e illustrata da Haimura Kiyotaka. Attualmente è in corso una seconda serie, sempre di light novel chiamata “New Testament: A certain Magical Index” che conta 3 volumi, ma è in corso. Oltre al manga è stato tratto un anime di due serie da 24 episodi l’una. Inoltre esiste anche un’altra opera a sé chiamata “To Aru Majutsu no Railgun” incentrata su un personaggio femminile di nome Mikoto Misaka che nel manga appare solo nel primo volume.

Trama: Il manga è ambientato in una città-studio situata nella parte ovest di Tokyo, una vera e propria cittadina per studenti che però ha un volto nascosto: in uno dei corsi principali ci si occupa dello sviluppo artificiale di “poteri superiori” tramite la somministrazione di farmaci o l’induzione ipnotica. In questa città piena di gente con almeno una percentuale minima di poteri esp, incontriamo Toma Kamijo, snobbato dalle ragazze e maltrattato dalla maggior parte della gente per la singolare caratteristica di non avere alcun potere se non quello di annullare qualsiasi potere/magia/miracolo con l’uso della mano destra. Un giorno Toma trova stesa sul balcone di casa sua una ragazzina vestita da suora, che oltre a cercare di convincerlo dell’esistenza della magia (perché ciò che usano in questa città non è magia ma “poteri superiori” sviluppati grazie a studi scientifici), lo coinvolgerà nella sua fuga da loschi individui che cercano di catturarla. Perché? Perché lei si chiama Index ed è l’indice di tutti i libri proibiti dalla Chiesa, che parlano di magia di ogni tipo e non devono assolutamente finire nelle mani sbagliate.

La trama può sembrare interessante, in realtà è molto banale e si capisce subito che non si vedrà altro che un susseguirsi di combattimenti sempre più duri contro nemici sempre più potenti. Inoltre la storia del potere di Toma non regge per nulla: su 2.300.000 abitanti è l’unico a possedere lo speciale potere che annulla qualsiasi potere/magia/miracolo e che quindi può tenere testa anche ai pochi individui come Makoto Misaka che sono in grado di usare poteri di altissimo livello, eppure viene snobbato e maltrattato?! A mio parere dovrebbe essere proprio il contrario.
Voto alla trama: 6

Lettura: Noiosa e approssimativa. Ciò che succede non desta nessun interesse, la disposizione delle vignette è talmente classica da far sbadigliare e tutto è presentato in modo superfluo e sbrigativo. Spesso si fa confusione sul tempo passato tra una scena e l’altra e su quale momento della giornata sia.
Voto alla lettura: 5

Personaggi: Sinceramente, nemmeno me li ricordo bene. Sono presentati in modo pessimo e sono stereotipati al massimo. Qualsiasi cosa succedesse loro non me ne importava nulla, nessuno ha destato in maniera minima il mio interesse e posso dire con certezza che ci vuole il massimo impegno per farmi provare qualcosa del genere: in quasi tutti i manga/anime pessimi che ho incontrato nella mia vita, c’era comunque almeno un personaggio che mi faceva simpatia, quindi questo manga è messo davvero male. Nient’altro da dire se non che i protagonisti li si può trovare in qualsiasi manga shonen di media qualità o in qualsiasi anime da Mediaset.
Voto ai personaggi: 4

Disegni: Spesso sono grezzi e quasi mai eccellenti. Il personaggio a cui l’autore si dedica di più è sicuramente Index che risulta quasi sempre disegnata molto bene. Per quanto riguarda il resto, gli sfondi sono spesso approssimativi, ma presenti in quasi tutte le vignette, cosicché le vignette con lo sfondo completamente bianco da me odiate sono rare. Comunque in generale sono disegni noiosi, che rimangono impressi difficilmente.
Voto ai disegni: 6

Media: 5

Commento personale di Kazeyumi: una noia mortale. Mi sono divertita molto di più a leggere Toriko e preferirei leggere 10 shojo super sdolcinati piuttosto che continuare questo manga così soporifero. Non lo consiglio proprio a nessuno, ed è un peccato visto che l’edizione Star Comics è molto buona: la copertina è forse troppo sottile, ma non si sgretola come quelle della Planet Manga e inoltre pur costando 4,30€ ha le pagine a colori! tra l’altro stranamente non perde inchiostro.
Anche per oggi è tutto da Kazeyumi, buon weekend e alla prossima settimana!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...