Titolo Originale: Toriko
Edizione Italiana: Star Comics
Prezzo: 4,20€
Pagine a colori: No
Sovraccoperta: No
Anno di pubblicazione: 2012 – (in corso)

Toriko è un manga pubblicato per la prima volta nel 2008 (in patria), ha attualmente 18 volumi, ma è ancora in corso e viene pubblicato settimanalmente su Shonen Jump. Sono stati fatti anche l’adattamento in anime che ha superato i 40 episodi, un film d’animazione in 3D e un videogioco per PSP.
Qui in Italia il primo volume ha visto luce il 15 febbraio 2012 grazie alla Star Comics.
La premessa da fare obbligatoriamente per questo manga è che nei sondaggi di Shonen Jump è sempre nella top 3 e in più di un’occasione ha superato One Piece aggiudicandosi il primo posto! Cos’ha di così speciale questo manga? Forse potrete scoprirlo con questa recensione!

Trama: La trama di questo manga ruota essenzialmente attorno al cibo: siamo nell’era dei buongustai ove la gente è sempre alla ricerca di nuovi gusti mai provati. Toriko è un fornitore di alimenti di lusso, che viene ingaggiato per procurare alle ricche compagnie ingredienti difficilissimi da ottenere a causa del livello di cattura, che viene meticolosamente assegnato ad ogni animale particolarmente aggressivo. Il nostro protagonista, grazie alla sua forza sovrumana, può catturare senza troppe difficoltà animali dal livello di cattura superiore al 5, per questo è molto famoso e richiesto: basta pensare che per il livello 1 serve una squadra di 10 professionisti armati. Così un giorno Toriko fa la conoscenza di Komatsu, un chef basso e mingherlino di un albergo dell’International Gourmet Organization (I.G.O.), che decide di seguire il nostro protagonista nonostante tutti i pericoli per poter vedere che aspetto hanno gli ingredienti prima di arrivare nelle sue mani di chef per essere cucinati.

Una trama decisamente particolare, non c’è che dire! Il mondo in cui è ambientato è semplice, ma ben organizzato e viene reso chiaro fin dal primo capitolo, ma ora come ora non posso premiarla più di tanto, visto che non sembra altro che il solito shonen mainstream esagerato in cui si susseguono combattimenti sempre più estremi.
Voto alla trama: 7

Lettura: Semplicissima. La disposizione delle vignette è classica, senza alcuna innovazione o particolarità. E’ un manga molto anni 80, sullo stile di Dragonball, facile da leggere e comprendere per chiunque, strabordante di azione e di gag comiche sorpassate. Non mi ha trasmesso nulla di particolare, ma non mi ha nemmeno fatto sbadigliare.
Voto alla lettura: 6/7

Personaggi: Partiamo dal protagonista, lo stereotipo dello stereotipo: tizio muscolosissimo, dotato di super-forza (anche se dire super-forza è davvero poco nel caso di Toriko), super-olfatto, super-questo, super-quell’altro e, ovviamente, con la fame di un gigante che non mangia da circa tre mesi. Komatsu è invece lo stereotipo della spalla del protagonista, ovvero un tizio debole e fifone, che ogni volta si stupisce delle strabilianti capacità del protagonista e che fa domande al quale Toriko risponderà per far capire al lettore cosa sta succedendo, in cosa consistono le sue tecniche, eccetera. Gli altri personaggi sono ancora troppo poco approfonditi per essere giudicati.
Voto ai personaggi: 6

Disegni: Anni 80, ovvero sorpassati. Gente dai muscoli alti come degli alberi, aspetto rozzo, virile, con lineamenti molto marcati. Gli sfondi spesso e volentieri lasciano a desiderare e i mostri sono degni di un manga per bambini, fatta esclusione del Troll Kong che mi fa abbastanza paura.
In questo manga non si è ancora nemmeno intravisto un personaggio femminile e la cosa non mi dispiace, non sono sicura di voler vedere una donna disegnata da questo mangaka…
Voto ai disegni: 5

Media: 6

Commento personale di Kazeyumi: molti mi odieranno, forse, per questa recensione, ma è più forte di me: i manga così classici e scontati non li posso proprio vedere. Sapendo che in Giappone è in forte concorrenza con One Piece sapevo già che non mi sarebbe piaciuto, perché io non sopporto nemmeno One Piece.
Comunque lo consiglio appunto a tutti i fan del manga che ho appena citato, l’edizione è quella classica senza pagine a colori e sovraccoperta, ma essendo Star Comics è comunque ben fatta, anche se rilascia un po’ d’inchiostro.
Alla prossima recensione!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...